Ritardi per il reddito di cittadinanza? “E’ una bufala” dice l’INPS

“Si parte tra dieci giorni, ma nulla è pronto” scrive Repubblica.

La risposta ufficiale dell’INPS è categorica: “…le procedure informatiche consentiranno la ricezione delle domande dal 6 marzo […] Si smentisce quindi che vi sia alcun ritardo nella predisposizione delle procedure, che anzi si stanno ultimando in anticipo rispetto ai tempi programmati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se ti va, metti mi piace alla nostra pagina facebook