Tutte le bufale di Salvini e PD sul TAV…

Gianni Barbacetto smonta punto per punto tutte le bugie sul TAV (qui il post completo).

Di seguito i punti salienti:

IL TAV E’ UN TRENO MERCI O PASSEGGERI? Il Tav Torino-Lione è nato come treno passeggeri ad alta velocità, ma quando i promotori si sono resi conto che tra Torino e Lione non c’è un traffico sufficiente a giustificare il colossale investimento, lo hanno trasformato in treno merci ad alta capacità.

QUANTE MERCI TRANSITANO TRA ITALIA E FRANCIA? Il traffico merci tra l’Italia e la Francia dal 2001 (anno del massimo) al 2016 è calato del 17,7%, sia su ferrovia (-71% dall’anno record 1997 al 2016), sia su strada (da Ventimiglia al Monte Bianco, -6,5% tra il 2001 e il 2016).

LA LINEA ATTUALE E’ VECCHIA? E’ vecchia ma sottoutilizzata. Potrebbe già trasportare dai 20 ai 30 milioni di tonnellate all’anno. Ne ha portate invece solo 10 nell’anno-record (1997), per poi scendere a 7 nel 2007, a 3 nel 2017.

FINIRE L’OPERA COSTA MENO CHE FERMARSI? Finora abbiamo speso per attività preparatorie 1,8 miliardi, in parte finanziati dall’Unione europea. Finire “il buco nella montagna” (il tunnel di base) costerebbe invece almeno altri 9,6 miliardi, più almeno altri 3 miliardi per le opere di adeguamento della linea da Torino al tunnel. Se ci fermiamo qui, invece, li risparmiamo tutti (e possiamo magari utilizzarli per opere davvero utili).

CI SONO PENALI PER L’EVENTUALE RINUNCIA? No, penali da pagare a Francia o UE non ci sono. Qualche penale potrebbero pretenderla le aziende che hanno iniziato i lavori non ancora finiti. Potrebbe essere una cifra non superiore ai 100 milioni, facilmente transabili e azzerabili in cambio di incarichi per mettere in sicurezza i lavori finora realizzati.

A CHE PUNTO SIAMO CON I LAVORI? Il grosso dei lavori non è neppure iniziato. Il grande tunnel ferroviario previsto dal progetto è composto da due gallerie di 57,5 chilometri ciascuna, per un totale di 115 chilometri di scavi. Dalla parte italiana non è stato scavato neppure un metro, non è stata neppure bandita la gara. Finora sono stati scavati tunnel geognostici, per un totale di 7 chilometri.

SPARIREBBERO UN MILIONE DI TIR DALLE AUTOSTRADE? I dati dicono che in Val di Susa il milione di tir da togliere dalla strada non c’è. D’altra parte, il cambio non è automatico: per togliere traffico dalle strade, purtroppo, non basta scavare un tunnel ferroviario, bisogna rendere conveniente il trasporto su ferro rispetto a quello su gomma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *